QUALI SONO I POSSIBILI BENEFICI DELLA FOTOCOAGULAZIONE LASER DELLE VENE VARICOSE? (Parte 2)

Posted on

Durante la procedura per la terapia sclerosante Dopo la pulizia della zona da trattare, il medico userà un ago sottile per iniettare lentamente una soluzione nella vena.

I risultati della terapia sclerosante sono visibili per le piccole vene varicose o varici, in ​​3-6 settimane. Spesso i capillari sono nella stessa sede della cellulite e con la scleroterapia e il laser non si hanno i risultati sperati. I capillari non sono solo un inestetismo ma anche una manifestazione della insufficienza venosa. Il Laser negli arti inferiori a causa dello spessore della cute e della parete dei vasi funziona bruciando il capillare in una serie di punti. Il termine flebite è generico e spesso include il concetto di tromboflebite, un’infiammazione della parete delle vene durante la quale si forma un trombo (condizione nota come trombosi). La flebite generalmente colpisce gli arti inferiori e superiori, come la gamba o il braccio, ma può colpire qualsiasi vena del corpo. I risultati del trattamento laser, come dimostrato da recenti studi, sono buoni per cui è considerato un trattamento sicuro ed efficacie della malattia varicosa. Prima di eseguire un trattamento laser è necessario eseguire un esame EcoColorDoppler venoso degli arti inferiori per valutare le caratteristiche morfologiche della vena grande o piccola safena. L’utilizzo delle sonde laser lineari abbinate all’impiego del laser 1470 nm, ha ridotto di molto la quantità di energia necessaria per ottenere la chiusura della safena.

QUALI SONO I POSSIBILI BENEFICI DELLA FOTOCOAGULAZIONE LASER DELLE VENE VARICOSE?

  • Varici vena safena esterna
  • Varici vene accessorie anteriori e posteriori
  • Varici reticolari
  • Varici residue
  • Varici recidive
  • Varici isolate
  • Varici post-trombotiche
  • Varici a rischio emorragico
  • Varici nelle malformazioni venose
  • Teleangectasie

D: Tutti i pazienti con insufficienza della vena grande o piccola safena possono essere trattati con la metodica ablativa laser?

La scleroterapia trova indicazione soprattutto nel trattamento delle teleangectasie (i cosiddetti capillari) e varici reticolari, che rappresentano un disturbo estetico, molto frequente nella donne, a livello degli arti inferiori. Con questo laser è possibile eliminare in pochi minuti tutti gli inestetismi cutanei come couperose, angiomi e capillari dilatati delle gambe, capillari ai lati del naso o intorno alle labbra. Per informazioni su come raggiungere lo studio consultare il sito www.veneinforma.com Le riassumo le notizie relative alla terapia consigliata per le sue varici degli arti inferiori:. Lo scopo della terapia è quello di riordinare la circolazione venosa riducendo la pressione e la portata delle vene malate. L’atto chirurgico, eseguibile ambulatoriamente, in anestesia locale, consiste in semplici sezioni e legature delle vene nei punti precedentemente individuati e disegnati sulla gamba. Le varici degli arti inferiori sono un segnale di insufficienza venosa, con accumulo di sangue al loro interno. Se associata ad altre sostanze trova indicazione nei disturbi emorroidali, nelle ragadi e come terapia di supporto dopo interventi di emorroidectomia. Tale evoluzione porta a delle complicanze agli arti inferiori che possono rapidamente aggravarsi e causare gravi inabilitae difficoltànella vita quotidiana della persona anziana. L’indebolimento del tessuto connettivo della parete venosa può alterare il corretto funzionamento delle valvole presenti  nelle vene che consentono la risalita del sangue dalla periferia verso il cuore.

Grazie alle sue proprietà attive, Remescar Capillari aiuta a riparare i tessuti delle vene e ridurre le alterazioni di colore provocate dai capillari varicosi

  • Con la chioma (i capillari) verso l’alto e la vena in basso
  • Con la chioma rivolta verso il basso e la vena reticolare al di sopra.

La presenza di capillari (teleangectasie) e piccole vene superficiali dilatate rappresenta il primo segnale della insufficienza venosa cronica.

Questo tipo di trattamento è indicato soprattutto per i capillari, le piccole vene superficiali ed anche in molti casi per la vena grande e piccola safena e le varici collaterali. In caso di varici di piccole dimensioni o di capillari, può essere sufficiente la compressione con un tampone e delle strisce di cerotto e una calza elastica leggera. SUCCESSO DELLA TERAPIA Le varici scompaiono dopo il trattamento nella quasi totalità dei casi, eccetto che quando sia presente una resistenza individuale alla terapia. 14.10.2009 Salve, ho problemi di fragilità capillare sulle gambe e ho tanti piccoli e sottili capillari sparsi sugli arti inferiori. Una delle indicazioni al laser consiste proprio nell’insuccesso della terapia sclerosante, non perché sia più efficace, ma perché esplica la sua azione con meccanismo diverso. 4) SONO NECESSARIE MOLTE SEDUTE Il trattamento laser dei capillari delle gambe non richiede mai più e di globuli rossi che, contenendo ferro, danno alla pelle un colore scuro (ecco il colorito scuro della gamba affetta da insufficienza venosa!). In verità, la terapia laser della safena richiede sempre una sala operatoria, una anestesia: una fibra laser viene infilata nella vena che viene “bruciata”. I capillari sono, in realtà, piccole vene ammalate, incapaci di riportare il sangue in alto verso il cuore, nelle quali perciò il sangue tende a refluire in basso.

Rimozione di vene varicose trattamento laser Milano - rimozione delle vene varicose sul prezzo gambe Portici

  • dolore spontaneo e alla pressione sulle vene sclerosate (specie se superficiali)
  • piccoli lividi nelle sedi delle punture
  • temporanei indurimenti lungo le vene varicose trattate
  • intolleranza al bendaggio

La scleroterapia consiste nell’iniezione all’interno della vena di sostanze chimiche che determinano prima la formazione di un trombo, quindi la trasformazione fibrosa della parete venosa .

I trattamenti sclerosanti consentono di migliorare l’aspetto della pelle delle zone colpite dagli inestetismi legati alle vene e capillari. Terapia sclerosante delle varici e capillari delle gambe. Gli angiomi cutanei ricevono lo stesso trattamento praticato a livello delle vene e dei capillari delle gambe. Consiste nella cura delle varici mediante l’iniezione all’interno della vena varicosa di una sostanza farmaceutica che provoca una reazione infiammatoria a livello della parete interna della vena stessa. Ma in alcuni casi i sintomi non sono clamorosi, si ha solo dolore e una leggera differenza di circonferenza tra una gamba e l’altra. Le vene varicose sono vene rosse o blu a forma di ragnatela che compaiono vicino alla superficie della pelle su gambe e caviglie. I capillari visibili a livello degli arti inferiori, noti in ambito medico come teleangectasie, sono sottili vene dilatate che giacciono vicino alla superficie della cute. Possono causare dolore ed essere correlate ad una più importante insufficienza del sistema venoso profondo: in questo caso la terapia sclerosante, anche delle teleangectasie superficiali, è di sicuro insuccesso. La presenza di un’insufficienza venosa profonda può essere diagnosticata con un ecodoppler delle vene degli arti inferiori e può richiedere l’intervento del chirurgo vascolare.

Laser capillari dopo inefficacia terapia sclerosante

Accettare cookie per vedere il contenuto Le Vene varicose o più semplicemente Varici, sono delle dilatazioni patologiche ed esteticamente sgradevoli delle vene, soprattutto degli arti inferiori.

Sotto il termine “sclerosanti” viene comunemente indicata la terapia sclerosante, uno degli approcci legati alla cura dei capillari alle gambe. Dopo aver visto il costo delle sclerosanti per le gambe, vediamo insieme in cosa consiste questa terapia. La persona non viene sottoposta ad anestesia e ogni intervento sui capillari delle gambe può durare dai 15 ai 60 minuti. Il paziente può sentire del bruciore per qualche ora dopo l’intervento sui capillari delle gambe. Questa procedura viene spesso effettuata per teleangectasie e varici localizzate sulle gambe e sul viso, che possono comportare alcuni disturbi come: Questa tecnica viene anche utilizzata per curare le emorroidi. Il numero delle vene e dei capillari trattati in una seduta dipende dalla dimensione e la posizione delle vene, nonché la condizione medica generale del paziente. Le teleangectasie non sono veri e propri capillari, ma sono delle vene varicose molto piccole che assumono l’aspetto di un reticolo. Nel caso in cui ci siano delle alterazioni del funzionamento del sistema di drenaggio del sangue venoso degli arti inferiori si può sviluppare un’insufficienza venosa cronica. Possiamo quindi distinguere diversi tipi di vene varicose, le dilatazioni e l’incontinenza delle piccole vene superficiali o dei capillari.

Che differenza c’è fra la terapia sclerosante eco guidata con schiuma (o scleroterapia) ed il laser?

Dopo il trattamento dovrà essere indossata una calza elastica oppure, nei casi di varici maggiori, sulla gamba verrà applicato un bendaggio multistrato per alcuni giorni.

Esempi di rari inconvenienti sono: Il laser si è rivelato utile nel trattamento delle piccole teleangiectasie rosse superficiali, come la couperose facciale. I capillari , termine tecnico teleangectasie, sono delle piccole vene superficiali di colore rosso o bluastro , spesso riunite in grappoli, che rappresentano principalmente un inestetismo. Quando i capillari si trovano alle caviglie possono essere un sintomo di insufficienza della safena.