Varici esofagee: sintomi, cause, classificazione, terapia e rischi di rottura. (Parte 2)

Posted on

Storia naturaleAl momento della diagnosi di cirrosi, sono presenti varici esofago-gastriche in circa 60% dei pazienti con cirrosi scompensata e 30% dei pazienti con cirrosi compensata.

Il rischio di emorragia da varici è maggiore nei pazienti con varici di dimensioni grosse con segni rossi e severa compromissione della funzione epatica. Trattamento dell’emorragia acutaLa rottura delle varici esofagee (che si presenta con ematemesi e/o melena) è la causa di 60% - 70% delle emorragie digestive nella cirrosi. Si presume che la rottura delle varici esofagee sia la conseguenza della risalita di succhi gastrici lungo l’esofago (rigurgito o reflusso), la cui acidità erode la tonaca mucosa esofagea. Ai sintomi tipici delle varici dell’esofago si aggiungono quelli della malattia sottostante, ad esempio quelli derivanti dalla cirrosi (ittero, vomito, dolorabilità epatica, edemi, splenomegalia, ascite). varici esofagee può essere visto nel 70% dei pazienti con cirrosi epatica. Per questo motivo, fegato pazienti cirrosi devono essere sottoposti ad esame endoscopico regolare per identificare varici. Il Gastroenterologo Endoscopista effettua procedure endoscopiche terapeutiche, tra le quali riveste un posto importante quella della bruciatura (sclerosi) o legatura (legatura endoscopica con lacci elastici) delle varici esofagee. veno-occlusiva da farmaci citostatici nsinusoidale: cirrosi epatica La causa più frequente di ipertensione portale e quindi di comparsa di varici esofagee e/o gastriche (si formano nel fondo dello stomaco, vicino all’esofago) è la cirrosi epatica.

Varici esofagee: sintomi, cause, classificazione, terapia e rischi di rottura.

  • Pressione arteriosa elevata
  • Cirrosi epatica
  • Alcune droghe come: azatioprina, metotrexato, arsenico tra le altre)
  • Malattia di Hodgkin
  • Tumore al pancreas

Circa il 70% dei pazienti con cirrosi epatica presentano varici, dei quali il 30% sanguinerà entro due anni ed il 50% nel corso della vita.

uso, per la terapia delle varici esofagee è la legatura elastica (2), ideata da Le varici esofagee sono spesso conseguenti a un fegato malato, nella maggior parte dei casi colpito da una grave forma di cirrosi epatica. In questo caso si può avere la presenza di varici esofagee anche senza cirrosi epatica. In tutti questi casi si ha la presenza contemporanea di varici esofagee e di cirrosi epatica. In questo caso si possono avere le varici esofagee con presenza contemporanea di ascite ed epatomegalia ma senza che si abbia la presenza di cirrosi epatica. La diagnosi delle varici esofagee è spesso contemporanea a quella di cirrosi epatica. Difatti l’alcol provoca un aggravamento dei sintomi della cirrosi epatica, comprese le varici esofagee. Le cause Le cause della cirrosi epatica sono numerose e possono essere molto diverse fra loro. In alcuni casi la patologia può essere originata dall’assunzione di farmaci (cirrosi epatica iatrogena); l’evenienza è abbastanza rara, ma le probabilità non sono comunque nulle.

Legatura varici esofagee 7 giorni dopo la legatura

  • Grave cirrosi o insufficienza epatica.

Malattie epatiche e altre cause delle varici esofagee: Le varici esofagee sono più spesso una complicazione della cirrosi - cicatrizzazione irreversibile del fegato.

Il trapianto di fegato può costituire l’extrema ratio in pazienti affetti da cirrosi epatica con sanguinamento recidivante di varici esofagee. il 62% dei casi (189 pazienti) in soggetti affetti da cirrosi epatica HCV-correlata, il 29% (87 pazienti) da cirrosi epatica alcolica ed il 9% (26 pazienti) Trattamento dell’emorragia acuta da varici gastriche.Le varici gastriche sono presenti in circa il 20% dei pazienti con cirrosi. Le varici esofagee sono presenti nel 30% dei pazienti con cirrosi senza ascite, encefalopatia od ittero e nel 60% dei pazienti con cirrosi decompensata . La profilassi secondaria con decompressione chirurgica può essere più efficace della terapia endoscopica in pazienti selezionati con cirrosi Child-Pugh classe A o B che mantengano una buona riserva sintetica epatica2. Il documento allegato parla di ipertensione portale, di varici esofagee, di cirrosi epatica da HCV o virus dell’apatite C, e di trombocitemia secondaria. Nel tre per cento dei pazienti la cirrosi epatica evolve verso il cancro del fegato e il trapianto. Malattie del fegato e altre cause di varici esofagee Le varici esofagee sono più spesso una complicanza della cirrosi, una irreversibile cicatrizzazione del fegato.

Il trattamento di scelta come prevenzione per il ri-sanguinamento da varici esofagee è rappresentato dalla legatura della varici e dall’uso dei beta bloccanti

  • Stadio della disfunzione epatica
  • Dimensioni delle varici
  • Presenza di “segni rossi” (indicano che la varice ha appena sanguinato, quindi è facile che risanguini)

La prognosi del sanguinamento da varici esofagee dipende innanzitutto dal grado di funzionalità epatica.

sovraepatiche - HVPG) nei pazienti con cirrosi epatica ed delle vene sovraepatiche - HVPG) nei pazienti con cirrosi epatica 1a) Pazienti con cirrosi epatica candidati alla 1b) Pazienti con cirrosi epatica e varici esofagee sensibilmente minore nei pazienti con cirrosi epatica rispetto ai 1f) Pazienti con cirrosi epatica compensata con 1g) Pazienti con cirrosi epatica compensata e varici Solo una parte dei pazienti ha la cirrosi epatica, cioè una malattia epatica avanzata, anche se il nome della loro malattia contiene la parola “cirrosi”. Le varici esofagee sono il risultato dell’ipertensione portale che di solito è causato dalla cirrosi epatica.

Come è la legatura endoscopica delle varici esofagee?

Disturbi associati sono: renali, respiratori, cardiovascolari e immunitari che causano il 5060% della mortalità nei pazienti con varici esofagee.

Attualmente, nessun trattamento può prevenire lo sviluppo di varici esofagee alle persone con cirrosi. Mentre i farmaci beta bloccanti sono efficaci nel prevenire il sanguinamento in molte persone che hanno le varici esofagee, non prevengono la formazione di nuove varici. Alcuni trattamenti alternativi sono volti ad impedire la cirrosi epatica, che è spesso causa del sanguinamento delle varici e la maggior parte sono efficaci. Nella maggior parte dei pazienti con cirrosi sottoposti a terapia con analoghi nucleotidici per infezione da virus dell’epatite B si ha anche regressione delle varici esofagee preesistenti. Nell’analisi finale sono state incluse endoscopie del tratto gastrointestinale superiore (n=414) applicate ai pazienti con cirrosi in un periodo medio di 12 anni di terapia. Risposta del 27 settembre 2004 Nella storia naturale della Cirrosi epatica, è frequente il riscontro di VARICI ESOFAGEE e di GASTROPATIA CONGESTIZIA. varici esofagee sono spesso una complicanza della cirrosi - cicatrici irreversibili al fegato. Facebook Twitter Google+ Pinterest Le varici esofagee sono una dilatazione dei vasi dell’esofago, tipico di chi ha una malattia del fegato come la cirrosi. Solamente in pochi casi, le varici esofagee si caratterizzano per avere natura congenita, visto che altrimenti spesso corrispondono alla più grave complicanza della cirrosi epatica.